I miei interessi


Crescendo ho avuto modo di confrontarmi con tante situazioni, tante idee, tante posizioni, in tutti i campi. E ho fatto le mie scelte. Eccole.

Computer - A Santo Spirito - Sport - Musica - Politica - Gente - Varie


Ormai l’avete capito, una delle cose che mi interessa di più (dopo le donne, ovviamente ;-) ) è il PC e tutto ciò che ci ruota attorno. Contagiato da mio cuggino, mi sono presto interessato all’intero argomento informatica; ho deciso di seguire questa strada per la vita, cominciando dall’Università, così per essere pronto ho installato Linux su TELETRAN ONE e ho iniziato ad imparare il C. Di certo mi ha aiutato, nella mia scelta, la mia predisposizione per Matematica e simili negli anni della scuola. Così la mia scelta universitaria non è stata affatto difficile, e oggi continuo a esserne contento. Ho terminato la laurea triennale, con un bel 110 e lode, e sto facendo la laurea specialistica.

Tante attività sono scaturite dalla mia fede. Tra queste il coro polifonico (del quale faccio parte dal 1997), retto dal mitico Canta. Non mi dilungo molto su questo, in quanto esiste già un sito interamente dedicato al coro; cercatelo nei link riguardanti la mia parrocchia. In questa sede mi limito a dire che il mio interesse verso il coro è dovuto, oltre che al voler rendere col canto lode a Dio e servizio alla comunità, alla titanica persona di Canta e al fatto (unica vera gratificazione materiale dell’essere corista) di poter avere sempre un posto privilegiato per seguire le celebrazioni più importanti, senza dover stare in piedi e senza avere file di gente davanti che tolgono la visuale; tutte cose che, inevitabilmente, rendono più difficile la partecipazione spirituale e il raccoglimento.
Altra attività molto importante è il gruppo GV/GVSS di Azione Cattolica, dove si è compiuta la mia crescita spirituale e dove ho incontrato tanti amici. Alcuni di essi li vedete tra le Foto. Siccome poi nel 2000 è stato costituito un secondo coro polifonico dei GV/GVSS, faccio parte anche di quello.
Dal 1996 sono membro del consiglio parrocchiale di Azione Cattolica, e dallo stesso anno fino al 2001/2002 ho insegnato catechismo ai bambini delle elementari; ho poi fatto per due anni l’educatore ACR, e dal 2004/2005 sono educatore GVSS. Missioni affidatemi dalla parrocchia, che porto avanti sicuramente in modo indegno ma impegnandomi a fare sempre meglio.

^ top

Amo molto lo sport, in particolare seguirlo, mentre non ho mai praticato molto. Da piccolo avevo iniziato col pattinaggio artistico, poi il basket nella SPES che ha la palestra a Santo, poi, causa una lieve scoliosi, dovetti passare alla ginnastica correttiva. Non è che mi piacesse molto, in particolare l’istruttrice era molto severa e alla lunga molto scocciante. Poi la schiena è tornata a posto, e nel 1991 ho iniziato a nuotare, continuando fino al 1998. Comunque non ho mai anteposto ad altro lo sport praticato, anzi dopo aver smesso nuoto e aver fatto un po’ di palestra nell’estate del 1998 sono stato senza fare sport per 3 anni, ricominciando nell’ottobre 2001 ancora con la palestra. Come ho detto, lo sport preferisco guardarlo: ne seguo tanti, alcuni con più partecipazione, altri con meno. In cima alla lista (forse l’unico del quale posso definirmi veramente "tifoso") c’è la Formula 1, passione ereditata (come tante altre) da mio babbo, che tramite un libro mi avvicinò al mito di Gilles Villeneuve, morto quando io ero troppo piccolo per ricordarmi qualcosa. In quasi tutti gli sport (tranne quelli nei quali entra in gioco l’orgoglio nazionale, dove non si puo’ che essere filoitaliani!) tendo quasi sempre a schierarmi dalla parte del più vincente, forse perché io, a causa di un fisico non propriamente atletico, mi sento un po’ un perdente (e non solo nello sport). Per questo motivo, tornando alla F1, a un certo punto mi ero stancato di tifare per una Ferrari che non vinceva mai, preferendo i campioni di turno, Mansell o Prost (non Senna, da me visto come un “nemico” per il botto di Suzuka ’90 che tolse il titolo alla Ferrari di Prost). Poi nel ’94, sempre alla ricerca di un anti-Senna, scoprii Schumacher, che già seguivo con interesse fin dal debutto per il talento naturale che mostrava. Il GP di San Marino ’94 fu un brutto momento, tutti quegli incidenti, la morte di Senna e Ratzenberger proprio nella mia Imola mi lasciò sconvolto davanti alla TV (per fortuna che quel giorno a casa mia c’era Ludovico...) Comunque il tifo per Schumacher si è fatto via via più forte, soprattutto negli anni difficili dei mondiali persi all’ultima gara, e si è così riaffermata la fede rossa Ferrari, ripagata finalmente dal 2000 in avanti. E a chi dice che la Formula 1 è noiosa quando vince sempre la Ferrari senza avversari, mi viene quasi da ridere in faccia e da dirgli “Spero che duri ad annoiarti ancora per tanti anni!”. E come dice Oriano, “Viva la Ferari!”.
Altro sport molto seguito il motociclismo, sia il Motomondiale che la Superbike. Nel primo, con tanti talenti italiani ad altissimo livello, la scelta è andata su quelli più di “casa”, come Capirossi, Melandri e Valentino Rossi che pur pesarese sento molto vicino, oltre a preferirlo diecimila volte al burino Biaggi. Direte che ancora una volta sto sul carro del vincitore; beh, ve l’ho detto che sono fatto così, tifo per lui fin dalla 125, poi è molto simpatico e guida in modo fantastico (quando, gli anni scorsi, doveva fare molti sorpassi per vincere - ora è sempre là davanti come Schumacher - lo vedevi attaccare nei punti più impensabili. E passare). Inoltre potrei anche conoscerlo di persona un giorno o l’altro (certe amicizie di mio babbo... vedremo). Nella Superbike, ovviamente, adoro la rossa a due ruote, la Ducati, e il suo cavaliere King Carl Fogarty. Nel 2003 la casa di Borgo Panigale ha debuttato in MotoGP; e vedere fin da subito Capirossi sulla Ducati lottare ruota a ruota con Rossi è stato un sogno diventato realtà, come la vittoria già alla sesta gara. Ammetto che ho difficoltà a scegliere tra Rossi e la Rossa, e certo il sogno dei sogni sarebbe vederli insieme, avere un Fogarty de’noaltri. Vedremo...
Da piccolo la mia passione calcistica si divideva fra la Juventus (tifata dalla maggior parte delle persone che conoscevo) e il Milan, di cui mi affascinava forse il colore delle maglie, forse il carisma di Berlusconi, forse l’impressione di potenza che dava quella squadra. Comunque dopo lo scudetto di Sacchi ho scelto senza indugi i rossoneri, ma il mio tifo non è stato mai intenso come quello per la Formula 1. Si gioisce quando si vince, non ci si arrabbia troppo quando si perde. Certo, però, che la soddisfazione di vincere la Champion’s League guardando la finale da unico milanista in mezzo a una decina di juventini è roba che non si dimentica, come vedere Paolino alzare la coppa. E così via... Seguo tanti sport in TV, sci (ma da quando non c’è Tomba non è più la stessa cosa), ciclismo (anche qui però, senza Pantani... e poi la certezza che ho che quasi nessuno vada avanti senza doping mi amareggia molto. Ormai di grandissimi ci resta solo Cipollini, l’unico toscanaccio che mi piace. Poi c’è questo Tour che arriva a snobbare il campone del mondo, pur di non avere uno scomodo come il Re Leone), nuoto, atletica, tennis, basket, pallavolo, baseball, Champ Car, Indy Car, e tanti altri in particolare da quando, a fine 1999, ci siamo abbonati a Tele+ (ora Sky). Avevamo preso anche +F1, la Formula 1 su 7 canali, per seguirla meglio, ma dal 2003 non si può più avere.

^ top

Non ho mai avuto particolari preferenze musicali, anzi in questo sono l’ascoltatore adatto per una radio o TV musicale: accendo su radio Deejay o su MTV e mi va bene quasi ogni cosa che esce dagli altoparlanti. Ho sempre giudicato una canzone solo per la musica, separandola sia dal cantante che dal messaggio che la canzone stessa vuole portare, e divido chi la canta tra il cantante e l’uomo. Marilyn Manson mi fa sinceramente schifo come uomo, e anche Eminem non è certo un esempio per me, però mi piacciono molte delle loro canzoni; così non mi piace l’anarchismo di Guccini e di una canzone come "La locomotiva", ma il ritmo incalzante e travolgente della musica e quella voce un po’ così del Guccio mi fanno amare quella canzone. Dicevo di non avere preferenze particolari; in realtà seguo con interesse la musica rap, e ho la passione degli U2, peraltro condivisa da molti amici tra i quali Beppe, passione iniziata pian piano ascoltando con interesse le canzoni dell'album “Pop” e poi cresciuta. Non disdegno la classica, e spesso seguo concerti d’organo in compagnia di Ludo e Canta, forse più per passare del tempo con quella sagoma di Canta che per la musica, ma comunque apprezzo ciò che ascolto. Comunque, sia nella mia teca di CD che nel mio lettore MP3 c’è davvero di tutto. Se c’è della musica che proprio non mi piace sono certe (non tutte) canzoni di quei gruppi gruppetti e solisti italiani affacciatisi da poco sulla scena, spesso cloni dei cloni, messaggio poco e scialbo, musica sempre quella, tanta voglia di apparire; in pratica, quelli che il mitico Olmo di “Mai dire Gol” prende in giro ormai da anni. Qualcuna ce l’ho nel lettore MP3, perché facendo il DJ a Santo bisogna avere ciò che piace alla gente, e quelle canzoni hanno sempre un successone. Ma dopotutto anch’io ogni tanto mi ritrovo a ripetere quei motivetti tanto orecchiabili, quindi si vede che non mi fanno così schifo...
Attualmente mi sono convertito, evidentemente grazie a Canta, alla musica classica: continuo ad ascoltare saltuariamente il resto, ma principalmente mi diletto a sintonizzarmi sul Quinto Canale della Filodiffusione RAI e ascoltare classica a tutto spiano. Ho anche CD pieni di MP3 di classica, e mi piacerebbe molto che ci fosse una radio a diffusione nazionale trasmettente classica 24 ore su 24, purtroppo però non è così, per ora.

^ top

Di come ho iniziato a interessarmi di politica ho già parlato; negli anni ho affinato la mia mentalità e le mie idee, cercando di capire cosa è buono della politica e cosa è da buttare. Oggi mi rendo conto che la politica è innanzitutto compromesso, per cui qualunque sia la propria idea, se si vuole governare bisogna quasi sempre rinunciare a qualcosa dei propri principi in modo da mettere d’accordo tutti. Tendenzialmente rimango vicino al centrodestra, ma guardo con sospetto e sufficenza un po’ tutti i partiti, per l’attaccamento alle poltrone, per un modo di fare opposizione (ieri la destra, oggi la sinistra) molto miope, del tipo “siccome quella cosa l’ha fatta il governo dobbiamo opporci (anche se noi avremmo fatto allo stesso modo)”, e per l’idea che comunque ci siano poteri forti (più o meno visibili) capaci di influenzare la politica. Riguardando la storia politica dell’Italia del dopoguerra, penso che forse ci sarebbe bisogno di una nuova DC. In che senso? La DC era nata dalla base del laicato cattolico (forte la presenza di AC), e questo avrebbe dovuto permettere l’inserimento della dottrina sociale della Chiesa nel sistema legislativo italiano. Purtroppo l’assenza di vere alternative alla DC (troppo legata al passato fascista la destra, troppo accondiscendente all’imperialismo comunista la sinistra), le influenze della politica internazionale (siamo, dopotutto, sudditi degli Stati Uniti, nel bene e nel male, dal piano Marshall che ha permesso a un paese ridotto in macerie di rinascere alla strage del Cermis) e il compromesso di cui sopra hanno fatto ripiegare il partito su se stesso e morire quello slancio innovatore; inoltre in politica non c’è niente di definitivo ed eterno, per cui prima o poi l’esperienza del centrismo DC doveva finire. Oggi ci siamo abituati, seppur con fatica, all’alternanza, ad avere più possibilità di governo; per superare le contraddizioni e i compromessi delle grandi coalizioni un nuovo grande partito cattolico potrebbe essere una risposta interessante, con gente nuova che abbia in mente innanzitutto l’amore di Dio e agisca in base a quello. Potrebbe essere il partito più coerente, ma per farlo dovrebbe apparire incoerente verso un governo di centrodestra o centrosinistra, appoggiando o meno le leggi solo in base alla legge di Dio e non all’interesse o al calcolo politico. Certo è un’utopia, soprattutto perché senza la visibilità sui media di cui i due poli possono godere non è possibile che un partito nuovo ottenga un peso politico rilevante.
E la politica di oggi? Da buttare? Non tutto, entrambi i poli hanno una componente cattolica e in molte decisioni questo è venuto a galla, sia durante il governo dell’Ulivo che oggi con la Casa delle Libertà. Tra i leader ammiro solo Fini, personaggio di grande classe ma non montato (come molti leader di sinistra e spesso anche lo stesso Berlusconi), oratore schietto ma con stile; Follini, che nell’ultimo scorcio della XIV legislatura è stato critico senza peli sulla lingua verso la leadership Berlusconi, al punto da lasciare la segreteria dell’UDC; e Bertinotti, l’unico veramente coerente a sinistra, l’unico della sinistra a non sembrare così attaccato al governo e alla poltrona; il suo appoggio esterno al governo Prodi, con una fiducia variabile a seconda del gradimento delle proposte del governo, è a mio parere la strategia che dovrebbe affrontare un partito come quello che ho delineato poco fa. Guardo invece con preocccupazione i radicali, le loro battaglie su posizioni smaccatamente anticattoliche non sono certo piacevoli per me. La loro visione “innovativa” della politica potrebbe fare presa su chi cerca il “voto di protesta”. È l’unico partito che non vorrei mai al potere.
Due parole sulla globalizzazione. Sono perfettamente conscio dei pericoli che il mercato mondiale, dominato dalle multinazionali, porta con sè, sullo sfruttamento delle nazioni povere, sull’omologazione dei consumi, sulla snaturazione dei prodotti, in particolare in campo alimentare (OGM e simili), sulle possibili influenze di questi poteri economici sulla politica. È un problema grave e va risolto prima che sia troppo tardi, ma non si otterrà molto spaccando vetrine di gente che lavora o bruciando macchine di persone comuni. Anche se la verità su Carlo Giuliani è forse destinata a non essere mai trovata, non credo sia giusto intitolare una piazza a suo nome. E vergognoso mi sembra accogliere con tutti gli onori gente come Silvia Baraldini (ok l’estradizione, ma sembrava di vedere un capo di Stato piuttosto che una presunta terrorista) o la salma di O’Dell (sono contro la pena di morte, ma chi è assassino lo rimane comunque). Ci sono ben altri eroi da celebrare.

^ top

Forse l’ho già detto, sono abbastanza schivo e orso, spesso timido nel rapporto con gli altri, in particolare le donne, timidezza che trasformo in chiusura e mutismo che certo non incoraggiano chi voglia interagire con me. Con chi conosco un po’ riesco ad essere più socievole, cerco di andare d’accordo con tutti, raramente ho avuto delle vere inimicizie, poiché cerco sempre di superare ogni motivo di divergenza con l’altro. Mi odio molto quando fingo nei sentimenti o soprattutto mi maschero di fronte agli altri, e odio di riflesso chi fa altrettanto, sia nell’amore che nell’amicizia; odio quelli che parlano di certe cose non avendone minimamente competenza, tra questi molti giornalisti, che nella maggioranza sanno solo parlare di calcio e politica e, se provano a parlare di altro, dimostrano la loro ignoranza impunemente, facendo arrabbiare chi ne sa un minimo di più (gli argomenti dove si manifesta maggiormente tale ignoranza sono l’informatica e la Formula 1, o meglio, essendo io appassionato di entrambe le cose lo noto più che su altri argomenti); ancora, odio quelli che dovrebbero guardare sé stessi prima di sputare sentenze; i pregiudizi, le etichette facili, come il commerciante ladro, il cattolico bigotto e così via. E non son certo io quello che non ha assolutamente pregiudizi; però provo a rapportarmi con gli altri, come dicevo, con gentilezza e sempre pronto a cambiare le mie opinioni sulle persone, cercando di superare ciò che magari non mi va dell’altro.

^ top

Non so se sarei bravo ad accudire un animale a casa mia, di certo lui si troverebbe meglio in uno spazio più aperto. Amo il quieto vivere e il distacco dei gatti, piuttosto che l’espansività a volte esagerata dei cani. Mia nonna ha tenuto per 12 anni un passerotto di nome Giannino, trovato a Dozza da me e un mio amico nel 1988 e vissuto fino al 29/11/2000: quasi un record, e quando è morto è stato triste come per uno di famglia. Mi piace molto il blu, ma ultimamente non disdegno nemmeno il rosso (non rosso e blu insieme, però). Come dicevo mi piace scarabocchiare qua e là, e non sono certo molto ordinato, ma nel mio caos riesco sempre (o quasi) a trovare ciò che mi serve. Mangio molto, anche troppo, ma specialmente in passato ero molto difficile verso cibi nuovi, diversi dal solito; oggi sono molto meno rigido, comunque resto un grande amante della pasta, mentre non impazzisco per le carni (non che non mi piacciano, ma la sensazione davanti a un bel piattone di pastasciutta al pomodoro o al ragù è impareggiabile). Tortelli e tortellini sono in testa alla lista delle paste, poi ci sono le patate fritte, le varie piadine (da quella salata che compri al forno alla nostra piadina romagnola, allo gnocco fritto e ficattola), la pizza, l’affettato (o sfettolato, come lo chiama Canta), il parmigiano e lo squaquarone, cotolette e polpette al sugo, la torta classica con il ripieno di cacao, gli "zuccherini" tanto famosi qui da noi, i cremini Fiat e le Galatine. Inoltre colleziono bustine di zucchero; ne ho tantissime ormai, italiane ma anche estere (una foto con una piccola parte è qui, mentre una foto con tutte è qui), e faccio appello a chi ne ha perché me lo dica.

^ top


Avete gli stessi interessi? Odiate Schumacher e siete fan sfegatati di Montoya o Villeneuve? Volete scambiare opinioni sulla cucina o la politica? Fatevi sentire!